COMITATO “OPPURE VENDOLA” DA QUILIANO A NOLI



Oppure VendolaLa candidatura di Vendola rappresenta un momento di speranza e un fattore di possibile cambiamento reale per la politica italiana ed il Comitato “Oppure Vendola , da Quiliano a Noli, passando per Vado Ligure, Bergeggi e Spotorno è nato tra persone che credono che Nichi Vendola offra un’altra strada possibile che potrà indicare per il centrosinistra una riforma politica che parta da un codice etico che sia nella trasparenza, nella legalità, che preveda il ricambio generazionale ,l’ abolizione dei privilegi per gli eletti, il limite nel costo della politica. Il Coordinatore del comitato è Andrea Bruzzone e gli altri primi componenti promotori sono: Nadia Nari, Mario Ferrieri, Davide Isetta, Gloria Chiaramonti, Federico Armellino, Giorgio Bruzzone, Giuseppe Acquati, Maria Teresa Martelli, Piero Penner, Marino Tambuscio. Il comitato è trasversale e aperto a tutti coloro che credono e sperano “in una Buona Politica” che recuperi competenza, moralità e credibilità e che non vogliono arrendersi e vogliono e vorranno impegnarsi nella direzione di un reale cambiamento che rimetta al centro i contenuti di una politica di sinistra quali: il diritto al lavoro, il diritto al reddito adeguato, uguaglianza e giustizia sociale, cultura della legalità, tassazione equa e trasparente e diritto ad una scuola pubblica. Le persone, che con risolutezza e coraggio, si sono messe insieme a sostegno della Candidatura di Vendola alle prossime primarie del Centro Sinistra rappresentano anche sui territori da Quiliano a Noli la volontà di un ripensamento dell’attuale modello politico. Vendola ha rilanciato la necessità dell’unità dei progressisti per sconfiggere il berlusconismo, che ci ha contaminati per 20 anni, l’uso della politica come strumento indispensabile per salvare l’Italia e la necessità di collocare la dignità e la libertà della persona al centro delle politiche pubbliche. In questa campagna per le primarie Vendola cerca di costruire in modo credibile e condiviso, un nuovo centrosinistra, “spostando l’asse sul tema dei diritti e del lavoro, per lottare contro la precarietà, contro l’assenza di regole, contro la disoccupazione, per la costruzione di un’alternativa alle politiche antisociali del liberismo, per una maggiore giustizia sociale ed una nuova politica industriale”.

Il Coordinatore del Comitato Promotore
Andrea Bruzzone



1 novembre 2012



Verso la costruzione del futuro


Verso la costruzioe del futuroIl Circolo SEL Quiliano / Vado L. lunedì 9 luglio scorso ha organizzato, a Quiliano, un incontro, dal titolo “Verso la costruzione del futuro”, L’obiettivo raggiunto è stato quello di iniziare un percorso di confronto aperto e costruttivo, nel merito delle problematiche e delle proposte in grado di facilitare la possibilità di raggiungere obiettivi di programma e di progetto condivisi. Si ringrazia per la partecipazione e per il contributi portati i rappresentanti delle forze politiche presenti: Italia dei Valori, Rifondazione Comunista e Partito dei Comunisti Italiani e il Segretario Provinciale della Camera del Lavoro di Savona.
Presenti altresì l’Assessore Lavazelli del Comune di Quiliano, l’Assessore Borgna del Comune di Vado Ligure, il Consiglieri Comunali di Vado L. Bovero e Sparso di Quiliano e il Presidente dell’ANPI di Quiliano. Si è sviluppata una prima discussione che ha messo in campo una serie di obiettivi quali : Il Reddito Minimo garantito, i diritti civili, la salvaguardia del territorio, il lavoro al centro ( non solo come mera occupazione),riappropriazione del diritto allo studio e della scuola pubblica … Il dibattito è stato aperto, cercando di andare oltre i recinti identitari di ognuno.
La necessità è quella di costruire una proposta credibile politicamente e culturalmente attraverso un percorso partecipato e aperto non solo ai soggetti politici ma anche alle realtà associative e alla cittadinanza interessata. Siamo convinti che solo attraverso percorsi chiari e aperti si può costruire una proposta in grado di ridare fiducia agli elettori smarriti e a tutti coloro che non si sono mai arresi e che vedono solo verso l’identità di intenti chiari che partono da radici lontane ma comuni, la possibilità di uscire dalla crisi che nel nostro paese non è solo economica. SEL è a disposizione , dal nazionale al locale, per perseguire questi obiettivi.
Vanno immediatamente convocati gli” Stati Generali del Futuro”, come luogo per salvare il Paese. E' una proposta di cui non vogliamo essere “proprietari”, poiche' vogliamo che sia a disposizione della societa' italiana. Se il PD dovesse allearsi con i moderati SEL cercherà di costruire un vero centrosinistra di governo, con chi ci sta. Non si puo' immaginare un percorso verso le elezioni che sia sequestrato dai partiti, a partire dal nostro.
La politica deve ritornare ad essere un bene comune, a disposizione di tutti quelli che vogliano contribuire con il loro personale e disinteressato impegno al cambiamento. Il Circolo SEL Quiliano / Vado vuole lavorare per costruire questo percorso.

Nadia Ottonello
Coordinatrice del circolo Vado Quiliano


Quiliano 11 luglio 2012
(Scarica la presentazione del documento)

Il Puc di Quiliano



QuilianoIl piano urbanistico comunale è uno strumento fondamentale e fondativo di una comunità e del suo territorio. Riguarda la vivibilità di un comprensorio e determina scelte che incidono indelebilmente e fortemente sul futuro di un luogo, dei suoi cittadini, della sua economia.
Per quanto riguarda il comune di Quiliano, già in passato si sono determinati e/o subiti insediamenti che hanno fortemente modificato e condizionato negativamente (vedi sarpom, centrale, mercato ortofrutticolo, depuratore..)
In passato non c’era ancora la corretta visione del rispetto dell’ambiente e la conoscenza e coscienza che si hanno oggi.
Le proposte di modifica all’attuale piano, avanzate dall’amministrazione attualmente in carica, sono solo in parte condivisibili . Anche la recente scelta di permettere l’insediamento Nordconad è alquanto discutibile per la sua limitatezza della prospettiva lavorativa, l’impatto ambientale determinato e la preclusione che è stata messa in atto per una futura area polifunzionale.
Le varianti proposte attualmente al piano sono particolarmente negative per quanto riguarda l’aumento volumetrico di edificazione privata nelle modalità e tipologie previste, soprattutto perché sul territorio non c’è l’esigenza di nuove abitazioni; vuoi per la soggezione che, alcune delle modifiche avanzate, impongono al parco urbano-naturalistico di S.Pietro in Carpignano.
Non si ritengono affatto necessarie le proposte avanzate intorno all’area che verrebbe così ad essere compromessa e anche snaturata dalla sua vocazione iniziale.
Vorremmo ricordare che per poter realizzare il Parco in questione, c’è stato un notevole impegno progettuale ed economico, infatti parte dell’area fu acquistata dall’allora proprietario Comune di Savona.
Vorremmo anche far tornare alla memoria la battaglia sostenuta per evitare l’insediamento del carcere nell’ambito sovrastante.
Il parco urbano di S.Pietro, che ora esiste è, senza dubbio, un valore aggiunto sul nostro territorio, ed è riconoscibile come un’area di possibile caratterizzazione di tutto il comprensorio, anche se attualmente la gestione non risponde agli obiettivi iniziali Riteniamo che tale ambito vada salvaguardato da qualsiasi modifica che possa in futuro snaturarne o pregiudicarne la vocazione iniziale o progettuale e, nel contempo, si tenga in alta considerazione la fragilità idrogeologica della zona.
Alzando lo sguardo agli anni ad avvenire, non ci si può negare di immaginare, nell’attuale area del mercato ortofrutticolo di Pilalunga, l’unica area rimasta di un possibile futuro economico-produttivo per il comune, pertanto nulla si deve prevedere che possa in seguito impedirne un eventuale sviluppo.
Riteniamo altresì fondamentale, in un periodo, come quello che stiamo vivendo, evitare di trasformare in edificabile un qualsivoglia spazio adibito attualmente ad azienda agricola o area produttiva.
È evidente a tutti che ,data la crisi in atto, le nuove tassazioni, la precarietà lavorativa e del posto di lavoro, sempre più ci saranno nel futuro immobili disponibili sul mercato, e probabilmente a prezzi concorrenziali, quindi è probabile che nuove edificazioni rimarrebbero facilmente invendute .
Il circolo territoriale di sinistra Ecologia libertà di Vado Ligure –Quiliano, per quanto brevemente sopra elencato, auspica un ripensamento da parte dell’amministrazione locale su alcune delle proposte avanzate e richiede idee e programmi precisi per lo sviluppo futuro economico di questo Comune.


?IL PUNTO?



Punto informativo di SEL Vuoi sapere come impostare una pratica legale o amministrativa?
Non sai da che punto partire per fare una certificazione ?
Hai dei dubbi come cittadino?
Potrai trovare delle risposte da esperti professionisti che sono disposti ad indirizzarti gratuitamente nella giungla della burocrazia Ogni sabato mattina a Quiliano, in Via Dodino al Due Rosso dalle ore 10,30 alle 12,00
se vuoi prendere appuntamento scrivi a vadoquiliano@selsavona.org



Il circolo di Sinistra Ecologia Libertà di Quiliano- Vado Ligure organizza un punto di informazione gratuito per i cittadini cui potersi rivolgere per:
• Consulenza legale in materia:
Lavoro, Famiglia, locazione, condominio, pratiche di risarcimento, rapporti bancari
• Assistenza in materia pensionistica e previdenziale
• Informazioni procedimenti e attivazione pratiche amministrative
• Pratiche certificazione energetica degli edifici
• Pratiche detrazione fiscale del 55% per risparmio energetico